martedì 2 gennaio 2018


Per AD Per MB mi chiamavi stella e luce dei miei occhi parole banali ma non sulla tua bocca/ poi ci chiamavano i fidanzati dal ristorante sul mare e non lo eravamo/ quelli che lo fanno per lavoro non per piacer loro e non lo eravamo/ ma allora chi siamo? chi eravamo? siamo due anime in un solo destino/ protési nell’infinito e nelle Sue leggi/ quelle che tu hai scoperto, Tu/ Tu che mai morirai perché lo spazio- tempo lo sa/ e lo so Io la tua Euridice violare mi hai insegnato violare/ regole spazi comandamenti unici nella Luce io e te per sempre

Nessun commento:

Posta un commento