giovedì 21 dicembre 2017


Se chi me lo chiede può leggere qui sotto in cui nel 2008 ho stilato insieme ad altri un documento contro i fascisti che stanno aumentando magari anche sotto la bandiera di cinque stelle Marcello Buiatti Marcello Buiatti Meeting di San Rossore - MANIFESTO DEGLI SCIENZIATI ANTIRAZZISTI « il: 07 Luglio 2008 - 08:15:53 » DIRITTI UMANI: DA MEETING TOSCANA MANIFESTO SCIENZIATI ANTIRAZZISTI (ASCA) - Firenze, 4 lug - Dal Meeting di San Rossore della Regione Toscana (10-11 luglio) sara' lanciato un 'Manifesto antirazzista' messo a punto da diversi scienziati, tra cui il Nobel Rita Levi Montalcini. L'iniziativa arriva a 70 anni dalla promulgazione delle leggi raziali, firmate proprio nella Tenuta di San Rossore il 5 settembre 1938 dal re d'Italia Vittorio Emanuele III. Il professor Marcello Buiatti ha quindi coordinato la stesura di un 'Manifesto degli scienziati antirazzisti', specularmente opposto a quello del 1938. Il manifesto, scaricabile dal sito della Regione, puo' essere sottoscritto online da tutti i cittadini ed e' gia' stato firmato, tra gli altri, da Enrico Alleva, Docente di Etologia dell'Istituto Superiore di Sanita', dal Nobel Rita Levi Montalcini, dal demografo Massimo Livi Bacci, da Alberto Piazza, docente di Genetica Umana all'Universita' di Torino e dallo psichiatra Agostino Pirella, co-fondatore di Psichiatria democratica. Il manifesto sottolinea in primo luogo che ''le razze umane non esistono. L'esistenza delle razze umane e' un'astrazione derivante da una cattiva interpretazione di piccole differenze fisiche fra persone, percepite dai nostri sensi, erroneamente associate a differenze 'psicologiche' e interpretate sulla base di pregiudizi secolari''. Quindi ''nella specie umana il concetto di razza non ha significato biologico'' e ''non esiste una razza italiana ma esiste un popolo italiano''. Gli scienziati spiegano che ''il razzismo e' contemporaneamente omicida e suicida'' ricordando che ''gli Imperi sono diventati tali grazie alla convivenza di popoli e culture diverse, ma sono improvvisamente collassati quando si sono frammentati''. Infatti, ''l'ideologia razzista e' basata sul timore della 'alterazione' della propria razza'' eppure, fanno notare gli scienziati, ''essere 'bastardi' fa bene''. Infatti ''molte societa' riconoscono che sposarsi fuori, perfino con i propri nemici, e' bene, perche' sanno che le alleanze sono molto piu' preziose delle barriere''. In definitiva, il manifesto mostra che le conseguenze del razzismo sono ''epocali'' e significano ''perdita di cultura e di plasticita', omicidio e suicidio, frammentazione e implosione non controllabili perche' originate dalla ripulsa indiscriminata per chiunque consideriamo 'altro da noi'''. MARCELLO BUIATTI su FB

Nessun commento:

Posta un commento